Il Schweighofer Prize (Premio Schweighofer in italiano) è un premio in denaro donato dalla famiglia austriaca omonima, impegnata da generazioni nella lavorazione del legno europea. Dal 2003 il premio viene assegnato ogni due anni, e ha un montepremi complessivo di € 300.000.

Lo Schweighofer Prize premierà le idee innovative, tecnologie, prodotti e servizi, al fine di rafforzare la competitività dell’industria europea del legno.

Tutte le persone o gruppi di individui come enti, organizzazioni, aziende, consorzi e istituti, possono partecipare. I partecipanti devono soddisfare tutte le condizioni di forma e contenuto. Il requisito più importante è il vantaggio evidente allo sviluppo e alla innovazione nel settore del legno e della gestione sostenibile delle risorse forestali in Europa.

Il premio in denaro è suddiviso in “Main Prize” e “Innovation Prizes“.

Al vincitore del “Main Prize” andrà un premio di € 100mila. Il riconoscimento sarà dato a chi si è distinto maggiormente, nell’attività della filiera legno e nel suo insieme. L’ultima edizione, nel 2013, ha visto vincitore Federico Giudiceandrea, un riconoscimento alla sua trentennale carriera nel mondo del legno che lo ha visto ideare e realizzare numerose e fortemente innovative soluzioni attraverso la Microtec di Bressanone (Italia).

Il montepremi totale per gli “Innovation Prizes” è di 200.000 €, e verrà condiviso tra 3-6 vincitori. Nella scosa edizione furono vinti dalla Kielsteg Gmbh Bauelement (Austria), dalla RheinMain University of Applied Sciences (Germania), da Hermann Kaufmann e Hubert Rhomberg, (Austria) e da Hans Andrén (Sweden) ed Eva Britt Isager (Norway).

Il 2 febbraio prossimo sarà l’ultimo giorno possibile per inviare le proprie candidature.